NUR 06 99 500

Seguici su:

NUR - Numero Unico Regionale 06 99 500

Cerca

Tartufi

La ricerca e la raccolta dei tartufi nella Regione Lazio è stata regolamentata con la Legge Regionale n. 82/88 inerente “Disciplina della raccolta, coltivazione e commercializzazione dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo, sul territorio della Regione Lazio”, nel rispetto dei principi fondamentali e dei criteri stabiliti dalla legge 16 dicembre 1985, n. 752. 

L’art. 6 della suddetta legge prevede che,coloro che intendono effettuare la ricerca e la raccolta dei tartufi, debbonoessere muniti di tesserino di idoneità che abilita alla raccolta dei tartufi su tutto il territorio nazionale.Il suddetto tesserino è rilasciato a coloro cheabbiano compiuto il quattordicesimo anno di età e abbiano superato un esame teso ad accertare la conoscenza della normativa regionale specifica, il riconoscimento delle specie di tartufi per le quali è autorizzata la raccolta e la conoscenza degli elementi fondamentali di biologia degli stessi.

Per il conseguimento del tesserino è necessario che gli aspiranti raccoglitori di età superiore ai 14 anni:

  •     presentino una domanda per sostenere gli esami sulla quale sia apposta una marca da bollo del valore di € 16,00, secondo il modello“richiesta partecipazione esame” comprensiva della fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità e di n. 2 fotografie formato tessera a colori uguali e recenti presso l’Area Decentrata Agricoltura competente per territorio. La domanda deve essere firmata dall'interessato, consegnata a mano o spedita mezzo posta raccomandata a.r. 
  •     sostengano e superino un esame in forma scritta (somministrazione di un questionario di 25 domande estratte a sorte).  Il candidato che commette 9 o più errori non consegue il tesserino di idoneità e deve ripetere l’esame. Il candidato assente alla prova d’esame senza documentate cause di forza maggiore dovrà ripresentare la domanda ai fini dell’ammissione all’esame successivo. In caso di idonea giustificazione, il candidato potrà sostenere l’esame nella prima sessione utile successiva senza ripresentare la domanda.

Coloro che abbiano superato l'esame, per ottenere il rilascio del tesserino debbono effettuare il pagamento della tassa di concessione annuale pari ad € 50,62 e consegnare una ulteriore marca da bollo del valore di € 16,00 da apporre sul tesserino. La tassa annuale di € 50,62 va effettuato entro il 31 gennaio di ogni anno successivo, per la convalida annuale. Ai sensi del D.lgs. n.472/97, successive modificazioni e/o integrazioni, il pagamento oltre il termine è consentito entro un anno dalla violazione, se viene effettuato volontariamente mediante il versamento contestuale del tributo, delle sanzioni e degli interessi e sempreché la violazione non sia stata già constatata
Il pagamento del contributo annuale può essere effettuato secondo le seguenti modalità riportando nella causale “L.R. n. 32/98-raccolta tartufi anno…..”:
-    attraverso la piattaforma PagaOnline all’indirizzo  https://pagaonline.regione.lazio.it/
-    bollettino postale c/c n. 63101000 in favore della Regione Lazio - Servizio Tesoreria;
-    bonifico bancario al seguente IBAN:IT-75-C07601-03200-000063101000.

Il pagamento della tassa non è dovuto nel caso in cui in quell’anno non venga esercitata la raccolta.

In caso di smarrimento del tesserino è possibile chiedere il rilascio di un nuovo tesserino utilizzando rispettivamente il modello “richiesta duplicato per smarrimento”. La domanda, redatta in carta semplice, va inoltrata all’Area Decentrata che ha rilasciato il tesserino originale con allegati i seguenti documenti:

  • denuncia di smarrimento o furto;
  • copia di un documento di riconoscimento in corso di validità;
  • n. 2 fotografie formato tessera uguali e recenti.

In caso di deterioramento del tesserino è possibile chiedere il rilascio di un nuovo tesserino utilizzando rispettivamente il modello “richiesta duplicato per deterioramento”. La domanda, sulla quale va apposta una marca da bollo del valore di € 16,00, va inoltrata all’Area Decentrata che ha rilasciato il tesserino originale con allegati i seguenti documenti:

  • copia di un documento di riconoscimento in corso di validità;
  • n. 2 fotografie formato tessera uguali e recenti.

Al momento del ritiro del tesserino è necessario consegnare una marca da bollo del valore di € 16,00 da apporre sul tesserino medesimo

Il tesserino può essere sospeso per un anno ovvero definitivamente revocato, qualora vi sia recidiva o ulteriore recidiva di alcune delle possibili violazioni della legge (art. 18 L.R. n.82/1988).

L’Agenzia delle Entrate, al fine di dare attuazione alle disposizioni della L. 145/2018, art. 1, commi 692, 693 e 694, ha istituito il codice tributo per il versamento dell’imposta sostitutiva per l’attività di raccolta di prodotti selvatici non legnosi e le piante officinali spontanee svolta in via occasionale se i corrispettivi percepiti dalla vendita del prodotto non superano il limite annuo di euro 7.000,00.
Il suddetto importo deve essere versato entro il 16 febbraio dell’anno di riferimento da coloro che sono in possesso del titolo di raccolta rilasciato dalla Regione o altro Ente competente.
Sono esclusi dal versamento dell’imposta coloro che effettuano la raccolta esclusivamente per autoconsumo.
Tra gli allegati si trova la Risoluzione n. 10/E del 13 febbraio 2019 dell’Agenzia dell’Entrate, che riporta un esempio di compilazione del Modello F24 e la Tabella dei Codici identificativi delle Regioni e dei prodotti.
Le tartufaie coltivate e controllate (migliorate) sono state regolamentate con DGR 2542/1994. I conduttori di tartufaie migliorate e/o coltivate, che sono esentati dal possesso del tesserino di idoneità per la raccolta nei fondi di loro proprietà, per richiedere l’attestazione di riconoscimento regionale debbono inoltrare formale istanza all’Area Decentrata Agricoltura di competenza utilizzando il modello “Richiesta riconoscimento tartufaia” con tutta la documentazione riportata nel suddetto modello.

Normativa

Informazioni e contatti

Direzione regionale Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Caccia e Pesca, Foreste 

Area Risorse Agricole e Ambientali
Via di Campo Romano, 65 – 00173 Roma:

Area Decentrata Agricoltura Lazio Sud
Sede di Latina
Via dei Romagnoli, 25 04100 Latina:

Sede di  Terracina

Sede di Fondi

Sede di Frosinone 

Sede di Cassino

Sede di Atina

Area Decentrata Agricoltura Lazio Centro
Via Rodolfo Lanciani, n.  38 00162 Roma 

Sede di Rieti
Via Tavola D’Argento snc 02100 Rieti

Sede di Viterbo
Piazza Luigi Concetti, 3 01100 Viterbo

I nostri portali di utilità

collegamento al sito salutelazio.it

Portale del sistema sanitario regionale

collegamento al sito visitlazio.com

Visitlazio.com - Portale del turismo

collegamento al sito parchilazio.it

Il portale delle Aree Protette del Lazio

Agenzia Regionale Protezione Civile

Il portale dell'Agenzia Regionale Protezione Civile

collegamento al sito lazioeuropa.it

Il portale dei finanziamenti regionali ed europei

Geoportale: Sistema Informativo Territoriale Regionale

Il portale del Sistema Informativo Territoriale Regionale